19.10.2012 – http://www.aeropolis.it

Alla Regione Campania workshop promosso sui processi di acquisizione e delle forniture di beni e servizi di governi e agenzie comunitarie

“Le sistematiche degli approvvigionamenti pubblici, tra diritto e project management, nei mercati della sicurezza e difesa” è il tema del workshop promosso da Campaniaerospace e dall’assessorato campano alle attività industriali. L’evento si è svolta nel corso della mattinata di ieri e ha riscosso un notevole interesse, soprattutto fra le PMI dei comparti aerospaziale ed elettronico regionale che operano o si propongo di allargare le attività di business in ambito Militare e della Difesa.

Ha partecipato all’incontro anche l’On. Angelo Consoli, vicepresidente della III Commissione permanente (Attività produttive – Programmazione – Industria – Commercio – Turismo – Lavoro ed altri Settori produttivi) del Consiglio Regionale della Campania.
Erano almeno quaranta i rappresentanti delle aziende che hanno seguito l’esposizione dell’ammiraglio Pio Forlani, incentrata sui processi di procurement dei governi e delle agenzie comunitarie, la rappresentazione sintetica degli scenari, dei criteri, delle regole e dei pre-requisiti (giuridici, tecnici, di sicurezza) che governano i processi di acquisizione e delle forniture di beni e servizi per la Difesa e la Sicurezza.

L’Ammiraggio Forlani, 59 anni, ora in ausiliaria, ha retto dal giugno 2005 all’ottobre 2010 l’Ufficio “Ricerca e Sviluppo” dello Stato Maggiore della Difesa. Ha maturato significative esperienze di Project Management, all’estero e in Italia, nell’ambito di importanti programmi di acquisizione di nuovi sistemi e materiali, occupandosi in particolare dei processi di sviluppo in proiect-teaming e validazione dei requisiti operativi e delle attività spaziali per le quali ha inoltre curato l’elaborazione del Piano Spaziale Difesa 2012-2020.

Come è stato detto, si tratta di un mercato di riferimento di oltre 70 miliardi di euro all’anno, incluso le attività dello Spazio. Si tratta per lo più di denaro pubblico, pertanto soggetto a norme e procedure spesso di notevole complessità per le piccole imprese che si propongono di accedervi.
L’Europa ha assunto ormai la competenza esclusiva sulle discipline dei contratti pubblici e questo richiede alle aziende un significativo salto di qualità nelle conoscenze dei meccanismi che regolano questo complesso sistema.
Lo scopo dell’iniziativa, è stato detto nell’introduzione da Sergio Mazzarella, è supportare le aziende piccole e medie in un processo d’internazionalizzazione che consente di valorizzare le numerose competenze delle aziende in uno scenario europeo dove – come è stato ricordato nel corso dell’iniziativa su Horizon 2020 tenutasi nei giorni scorsi all’Accademia Aeronautica di Pozzuoli – è deficitaria la capacità delle aziende campane di accedere alle risorse rese disponibili dalle politiche di sostegno dell’Unione Europea.