19.03.2013

I ricavi totali dei maggiori operatori ammontano ad oltre 164 miliardi di dollari, +2.9% rispetto al 2011

 

In attesa dei dati 2012 di Finmeccanica, è possibile tracciare un primo quadro complessivo dei risultati finanziari delle principali aziende europee operanti nel comparto Aerospazio e Difesa (A&D) dopo la pubblicazione dei dati preliminari avvenuta negli ultimi giorni.

Le aziende prese in esame sono: BAE Systems (GB), Dassault (Francia), EADS (Francia, Germania, Spagna),  Rolls Royce (GB), Saab (Svezia), Safran (Francia, Thales (Francia).

I ricavi totali delle sette aziende nel 2012 ammontano ad oltre 164 miliardi di dollari (+2.9% rispetto al 2011), mentre quelli afferenti al solo comparto A&D a 147 miliardi (+3.5%). Alla crescita dei ricavi corrisponde un incremento significativo dei profitti, sia quelli operativi (EBIT, 11%), sia quelli netti (35.76%). In aumento anche il Return on Sales (ROS). Nonostante le buone performance complessive, è riscontrabile un rallentamento della crescita rispetto al 2011.

EADS, con 73.6 miliardi di dollari, si conferma in testa alla classifica dei ricavi in Europa ed è seconda solo a Boeing (81.7 mld) a livello mondiale. Gli andamenti non sono lineari per le altre aziende: crescono Dassault, Rolls Royce e Safran, calano BAE Systems e Saab, costante Thales. Analoga situazione per l’EBIT ed i profitti netti: elevata la crescita di quest’ultimi in Rolls Royce anche grazie alla cessione delle sue quote in International Aero Engines (IAE) a Pratt & Whitney
Le previsioni per il 2013 sono generalmente di una moderata crescita rispetto al 2012.
Si resta in attesa dei risultati 2012 di Finmeccanica, previsti per il 12 marzo scorso, ma rimandati ad una data da stabilire entro il prossimo fine aprile “per completare le necessarie valutazioni in merito agli eventuali effetti economici e patrimoniali e sulla formazione del bilancio relativi ai recenti accadimenti” come recita un comunicato stampa dell’azienda.