12.07.2013

L’assessore ai trasposrti: lo scalo può giocare in piena regola le proprie carte facendo da attrattore di investimenti e sviluppo

L’assessore regionale ai trasporti, Sergio Vetrella, è tornato a parlare del sistema aeroportuale campano. “La Campania – ha detto Vetrella – con una popolazione di circa 6 milioni di abitanti deve giocare un ruolo da protagonista nel contesto nazionale”. E la rete del trasporto aereo evidentemente è cruciale in tal senso.

“Nello specifico dell’aeroporto di Salerno – ha proseguito l’assessore – ritengo che tutte le infrastrutture che creino sviluppo per il territorio vadano messe nelle condizioni per crescere. Naturalmente una struttura così importante deve chiaramente inquadrare il proprio mercato di riferimento e dimensionarsi su di esso, in modo da risultare economicamente sostenibile aprendosi anche ai capitali privati.  Sulla base di questi presupposti, la mia volontà di avere l’aeroporto di Salerno quale ulteriore nodo della rete campana e quindi nazionale, è chiaramente confermata dai fatti, come appare chiaro dall’aver introdotto gli ulteriori i lavori per il completamento dell’aeroporto, all’interno dell’Intesa Generale Quadro già sottoposta all’attenzione del Governo che provvederà ad approvarla in tempi brevi”.
“Nell’ottica di una sana concorrenza a livello nazionale tra scali di medio-piccole dimensioni, che richiede necessariamente una rivisitazione del piano nazionale degli aeroporti di certo lo scalo salernitano – ha concluso – avvantaggiandosi della forte propensione turistica del territorio, può giocare in piena regola le proprie carte facendo da attrattore di investimenti e sviluppo”.