da http://www.aerospaziocampania.it

L’industria aeronautica ufficializza il piano di ristrutturazione del gruppo. I lavoratori genovesi bloccano l’accesso all’aeroporto.

Come si temeva anche Piaggio Aero –  concluso l’aumento di capitale da 190 milioni e la riconfigurazione della proprietà con l’indiana Tata Limited che detiene il 44,5% delle azioni e  la Mubadala Development Company di Abu Dhabi il 41%  –  mette in moto un piano di ristrutturazione  con importanti tagli all’occupazione.

Nel corso dell’incontro di ieri in Confindustria,  i vertici di Piaggio Aero  hanno fornito ai  rappresentanti sindacali i dettagli del piano di riorganizzazione che prevedere tagli al personale e la chiusura dello stabilimento di Genova.  L’azienda, rappresentata da Carlo Rondine capo del personale, Eligio Trombetta Dg del gruppo e l’advisor per gli azionisti Carlo Logli, dichiara l’esubero di 165 persone, di cui 117 a Genova e 48 a Finale Ligure e un piano di esternalizzazione  che riguarderà 207 lavoratori, di cui 108 a Genova e 99 a Finale Ligure. Entro la  fine del  2014 garantisce che sarà inaugurato il nuovo stabilimento di Villanova d’Albenga.  segue http://www.aerospaziocampania.it