17.03.2014

Dopo un viaggio attraverso sette paesi è arrivato a Tianjin un P68 Observer 2 destinato al mercato cinese

La Vulcanair sbarca in Cina. Dodici giorni dopo aver ricevuto la certificazione dalla Chinese Civil Aviation Authority (CAAC) è stato consegnato il primo P68 Observer 2 nel paese orientale. A ricevere il velivolo a Tianjin, dalle mani del pilota di Vulcanair Markus Luer, è stato Charley Gao, il proprietario dell’azienda che distribuirà Vulcanair in Cina, la China Aero Supply Co. Ltd. L’aereo sarà consegnato al cliente finale a giorni. Gao ha già ordinato altri P68 Observer 2, che arriveranno in Cina molto presto.

Quello per portare l’aero a Tianjin, municipalità nord orientale della Cina è stato un lungo viaggio sopra i cieli di Grecia, Egitto, Arabia Saudita, India e Thailandia. Questa “avventura” è stata possibile grazie alla resistenza del bimotore progettato da Luigi Pascale e del pilota, naturalmente. L’aereo ha volato anche per otto ore di fila durante alcune tappe del viaggio. “In Vulcanair – ha dichiarato il ceo Remo De Feo – siamo davvero orgogliosi di essere in grado di consegnare il nostro eccellente aereo a clienti cinesi. Il P68 Observer 2 è particolarmente adatto alle necessità degli operatori cinesi, soprattutto grazie a tre caratteristiche essenziali, sicurezza, robustezza e flessibilità.

Si tratta insomma di un eccellente risultato messo a segno dalla Vulcanair, che pare voglia provare ad aprirsi ad un altro segmento di mercato con l’inserimento in catalogo di un velivolo monomotore sviluppato da un altro progetto Partenavia, il P64.