03.04.2014

Pubblichiamo un intervento di Guido Mulè capo del personale di Alenia Aermacchi sulla rivista il Diario del Lavoro.

Fondato nel 2001,  la rivista è  un quotidiano on line che si occupa specificamente di problemi del lavoro e delle relazioni industriali.

Il comitato di direzione della rivista è composto da Tiziano Treu, Aris Accornero, Carlo Dell’Aringa. Direttore responsabile è Massimo Mascini.

L’introduzione in Alenia Aermacchi, attraverso accordo firmato con tutte le organizzazioni sindacali, di un sistema premiante articolato su obiettivi collettivi ed individuali – dedicato agli impiegati direttivi ed ai quadri  – conferma come la partecipazione e la meritocrazia rappresentino, in uno scenario di Mercato Internazionale sempre più competitivo, leve strategiche e fattori chiave per il successo dell’Impresa.

La partecipazione ampia dei dipendenti è garantita dalla capillare diffusione e dalla condivisione degli obiettivi aziendali, fattori di impulso per la convergenza degli sforzi di tutti verso l’obiettivo generale del migliore posizionamento competitivo sul Mercato; obiettivo, quest’ultimo, perseguito attraverso l’efficientamento dei processi industriali e l’”autofinanziamento” degli investimenti necessari a garantire il costante adeguamento all’evoluzione tecnologica ed allo sviluppo dei prodotti e dei processi.
La valorizzazione del merito, attraverso un nuovo sistema premiante – che integra obiettivi collettivi aziendali con obiettivi individualmente assegnati – favorisce la convergenza degli sforzi di tutti su target di riferimento sempre più sfidanti e, nel contempo, incentiva i contributi dei singoli; un modello aziendale di gestione del personale percepito come meritocratico attiva, inoltre, processi virtuosi di sviluppo della motivazione e della tensione al risultato.
Ulteriore fattore di successo  per un Impresa – confermato dall’esperienza di Alenia Aermacchi – è l’adozione di un sistema di relazioni industriali fondato sul confronto costruttivo e sul coinvolgimento attivo – anche nelle fasi di sviluppo – del Sindacato come solido interlocutore per la condivisione di innovativi modelli di gestione.