VIDEO – AERONAUTICA, SPAZIO e POLO DELLA DIFESA.

L’ITALIA DELLE RIFORME RIPARTE DAL MEZZOGIORNO

NAPOLI Lunedì 9 giugno 2014 – Ore 16-17,30

Audizioni del vice ministro all’Economia Enrico Morando

promossa da Aerospazio Campania, Il Denaro e Qualcosa di Napoli

AERONAUTICA, SPAZIO, POLO DELLA DIFESA

Le proposte delle imprese

Aula Magna dell’Università degli Studi di Napoli Parthenope – Via Acton, 38

LOCANDINA INVITO http://www.aeropolis.it/invito-locandina 50_70.pdf

Consulta il programma completo

VIDEO – NAPOLI – Università PARTHENOPE Intervista al vice Ministro dell’Economia Enrico Morando

VIDEO – NAPOLI – Università PARTHENOPE Antonio Ferrara Presidente AEROPOLIS VIDEO – NAPOLI – Università PARTHENOPE SERVIZIO RAI 3 – AERONAUTICA, SPAZIO e POLO DELLA DIFESA
VIDEO – NAPOLI – Università PARTHENOPE

Le proposte delle imprese LUIGI CARRINO

VIDEO – NAPOLI – Università PARTHENOPE

Le proposte delle imprese – Luigi Iavarone Presidente SAM

VIDEO – NAPOLI – Università PARTHENOPE

Le proposte delle imprese GIOVANNI SQUAME PRESIDENTE ALI

 

News da AerospazioCampania
17 giugno Lanciatori, nasce la joint-venture Airbus e Safran

Cambia lo scenario del settore, per l’Italia è tempo di scelte, a cominciare da Avio Space

Airbus e Safran uniranno le loro forze nel campo dei lanciatori spaziali creando una joint-venture (paritaria 50%-50%) volta “a migliorare la competitivita’ del settore e a offrire ai clienti soluzioni piu’ economiche”.  I due partner opereranno in Francia e Germania, “combinando le conoscenze specifiche di Airbus per i sistemi di lanciatori e di Safran per quelli di propulsione”. L’iniziativa, a detta delle due aziende, puo’ essere vista come uno sviluppo delle ricerche condotte negli ultimi due anni dall’Agenzia spaziale europea (Esa) e dal Centro nazionale di studi spaziali francese (Cnes). Al centro di questa nuova collaborazione, che avra’ inizio prima della fine dell’anno, la messa a punto del lanciatore Ariane 5 Midlife Evolution (ME) e lo sviluppo dell’Ariane 6. Segue
17 giugno nEUROn, anche l’Europa ha il suo drone da combattimento

Concluso il progetto. Il velivolo ha già realizzato una cinquantina di voli a partire dal dicembre 2012

E’ arrivato a conclusione il progetto europeo nEUROn, il primo drone europeo da combattimento di grossa taglia. L’aereo a forma poligonale ha già realizzato una cinquantina di voli a partire dal dicembre 2012. Il primo decollo è avvenuto dalla base militare di Istres il 1° dicembre 2012. Dopo i primi voli le performance di nEUROn sono state valutate dall’equipe del centro di ricerca della Dga di Rennes. Visto da un radar, nEUROn lascia un segnale simile a quello di un Mirage 2000. Nel frattempo è pronto anche il Male2020. Segue
14 giugno Airbus, 20 nuovi ordini per il C-295

Inizio anno molto positivo per il velivolo da trasporto militare di Airbus

Airbus Defence & Space ha annunciato ordini per ben 20 C-295 da inizio anno. “Quest’anno è stato davvero positivo” ha dichiarato Antonio Rodríguez Barberán, responsabile commerciale per l’unità Velivoli Militari di Airbus Defence & Space. Tranne l’Ecuador non si conoscono le identità degli altri clienti.
La Forza Aerea Ecuadoregna ha ricevuto lo scorso 6 giugno il primo dei 3 velivoli ordinati; da sottolineare che la Marina ha ricevuto nel passato 2 CN235 MPA e l’Esercito 2 CN-235 e 2 C-212 da trasporto, tutti velivoli Airbus.
Segue
11 giugno Airbus, Emirates cancella commessa da 16 miliardi di dollari

La compagnia di Dubai aveva ordinato 50 modelli A350-900 e 20 aerei A350-1000 nel 2007, ora la rinuncia

ordine 70 A350XWB. Nel dettaglio la compagnia di Dubai rinuncerà a 50 modelli A350-900 e 20 aerei A350-1000. Emirates aveva annunciato l’accordo nel 2007 e le consegne dovevano partire dal 2019. L’A350XWB è il nuovo aereo da lungo raggio concorrente del B787 Dreamliner della Boeing. La decisione di Emirates, hanno detto dalla società basata a Tolosa, è frutto di una revisione del piano di espansione della flotta della compagnia degli emirati, che solo pochi mesi fa al “Dubai Airshow” aveva ordinato ad Airbus altri 50 A380, il superjumbo prodotto dalla società europea.. Segue
11 giugno Certificato da EASA il nuovo motore PW127N per l’ATR

L’agenzia ha certificato l’utilizzo del nuovo Pratt & Whitney Canada PW127N sull’ATR 72-600

nuovo Pratt & Whitney Canada PW127N sull’ATR 72-600, comunica il consorzio italo-francese. La nuova versione “N” si affiancherà all’attuale “M” (che ha già superato 10 milioini di ore di volo) garantendo un incremento di potenza del 4.5% al decollo e, quindi, migliori prestazioni in condizioni “hot and high” (zone calde e quota alta). Infatti il primo operatore che avrà in dotazione tale motore sarà l’aerolinea boliviana Avianca che riceverà il primo velivolo tra qualche settimana.. Segue
11 giugno Alenia Aermacchi punta su lavoratori italiani in Puglia

Dopo le polemiche per l’utilizzo di manodopera rumena arriva il cambio di strategia dell’azienda

Dopo le polemiche delle ultime settimane pare che Alenia Aermacchi sia intenzionata a cambiare orientamento sull’impiego di manodopera specializzata straniera nel sito produttivo di Grottaglie, decidendo di spingere sull’occupazione locale. La decisione sarebbe stata presa durante l’ultimo incontro a Roma con l’amministratore delegato Giuseppe Giordo. Oltre al consuntivo 2013, infatti, tema dominante pare sia stato il piano per la “sostituzione dei lavoratori stranieri con italiani”. Il programma dovrebbe essere operativo già dalle prossime settimane. Segue
11 giugno Archiviata l’inchiesta sull’M-346 precipitato a Piana Crixia

Per il pm non è stato commesso reato nell’incidente avvenuto nel maggio dello scorso anno

E’ stata archiviata l’inchiesta per disastro colposo aperta contro ignoti dalla Procura di Savona in seguito alla caduta nei boschi di Piana Crixia di un M346 di Alenia Aermacchi in viaggio sperimentale nell’entroterra savonese . Per il pm Giovanni Battista Ferro non si sarebbe verificata una situazione di reale ed effettivo pericolo per l’incolumità pubblica dal disastro aereo in cui rimase ferito il pilota Matteo Maurizio, 41 anni di Cisano sul Neva, che premette il pulsante di eiezione dal cockpit solo dopo essersi assicurato di aver portato il jet lontano dalle abitazioni. Segue