Il tema è stato discusso nel corso di un seminario promosso dalla società regionale SMA Campania a Napoli al Circolo ufficiali dell’Esercito

Il nostro Paese, è stato detto nei diversi e qualificati interventi illustrati dal convegno,  detiene le più innovative tecnologie di controllo satellitare del territorio e la partecipazione delle imprese italiane e campane nei progetti Cosmo SKYMED e Galileo rappresentano un patrimonio di conoscenza e tecnologia che consesquared_medium_Eo_agriculture_agrigento_370nte alle aziende che si occupano di tutela e controllo del territorio di guardare con interesse alle opportunità offerte dall’innovazione e dalle tecnologie duali.
Il seminario è stata un’occasione per un confronto sui temi e le opportunità offerte dal programma europeo Horizon 2020  tra l’amministratore Raffaele Scognamiglio di SMA Campania e  le istituzioni regionali, le imprese del polo high-tech, il mondo universitario, Centro italiano di ricerca aerospaziale e il CNR.
Obiettivo dell’iniziativa approntare un progetto di rete per sviluppare soluzioni innovative, con l’utilizzo dei sistemi satellitari e  velivoli a controllo remoto  per il monitoraggio del rischio idrogeologico, del contrasto agli incendi boschivi e la bonifica della Terra dei Fuochi.Gli approfondimenti si sono sviluppati in Quattro sessioni di lavoro in cui il comune denominatore è stato  l’innovazione negli interventi nell’ecologia per apportare la bonifica dei territori  campani vessati negli anni.
Nel corso delle sessioni del workshop sono stati presentati i progetti  di SMA con  le Università napoletane e  gli interventi che la società sta eseguendo in Terra dei Fuochi insieme al Corpo forestale dello Stato, all’Anci, ai Carabinieri, alla Guardia di Finanza, ai Vigili del Fuoco, al Ministero dell’Interno, per contrastare gli incendi dolosi e individuare le micro discariche dei rifiuti tossici.