Accordo tra Gesac e Enac per il potenziamento dello scalo napoletano

Enac approva il piano di masterplan dell’aeroporto di Napoli dopo un lungo lavoro di valutazione, a breve le fasi di verifica di compatibilità ambientale e urbanistica per avviare investimenti per l’ampliamento del terminal e delle aree di sosta e movimento degli aerei.

Napoliaeroporto5Il traffico di aviazione generale sarà delocalizzato dall’aeroporto napoletano, dove, quando e come approderà in altri scali, sarà definito da un tavolo tecnico di Enac e Gesac.

I lavori per l’ottimizzazione e adeguamento delle attuali infrastrutture aeroportuali di Capodichino saranno oggetto di un apposito contratto di programma stipulato tra Enac e Gesac e saranno realizzati in autofinanziamento da parte della società di gestione.

“L’Ente nazionale per l’aviazione civile informa che il nuovo masterplan dell’aeroporto di Napoli – Capodichino è dimensionato all’orizzonte temporale del 2023 e si basa una stima di traffico di 7,7 milioni di passeggeri, in armonia con quanto previsto dal Piano nazionale degli aeroporti sul quale è stata raggiunta di recente l’intesa Stato-Regioni, e su un numero di movimenti che tiene conto anche della sostenibilità ambientale dell’aeroporto, in considerazione del miglioramento della performance degli aeromobili”.