Analizzati i dati del terzo trimestre 2015. Indagine condotta da Confindustria Piemonte

Un’indagine condotta da Confindustria Piemonte relativa al terzo trimestre 2015 evidenzia, seppur in un contesto di ripresa, una frenata del settore aerospaziale insieme all’altro perno industriale della regione, l’automotive.

Piemonte, industria in ripresa ma frenano aerospazio e automotive

“Le attese delle imprese sono condizionate da vicende non soltanto economiche. Pesano le preoccupazioni per la crisi greca e per altri fattori di tensione come Ucraina, politiche verso i migranti, terrorismo. Pesa anche il rallentamento di mercati come Brasile e Russia”, sottolinea il presidente di Confindustria Piemonte, Gianfranco Carbonato.

“Più che una frenata – ha spiegato Carbonato – per il settore auto si tratta di un assestamento fisiologico sui livelli precedenti degli ordinativi. C’è stata una forte accelerazione nel secondo trimestre, ora le aspettative frenano”. Carbonato ha ricordato che quando si parla di auto il riferimento è alla Maserati visto che Mirafiori non è ancora ripartita.
Nel comparto manifatturiero, la maggioranza delle imprese prevede un ulteriore aumento di produzione e ordini ma il saldo ottimisti-pessimisti peggiora lievemente rispetto alla rilevazione di marzo. Tiene bene l’export, migliorano i tempi di pagamento almeno per quanto riguarda la pubblica amministrazione (122 giorni rispetto ai 135 dello scorso trimestre).
Nel settore dei servizi, l’aumento del tasso di utilizzo degli impianti, il ricorso ormai marginale della cassa integrazione e la composizione del carnet ordini (maggiormente orientato al lungo periodo) contribuiscono a definire un quadro di crescita del mercato. Le valutazioni più ottimistiche riguardano le imprese del comparto turistico e dell’Ict.  Segue