Nella splendida Basilica di San Giovanni Maggiore l’Associazione Aeropolis incontra le più innovative Start Up della Campania.

In Italia sono oltre 5100, con 5300 dipendenti le starUp,si tratta di microimprese promosse prevalentamente da giovani su idee e progetti innovativi. Vi partecipano circa ventimila soci. In Campania sono oltre 300 e a Napoli 164 queste aziende nata su promozione di provvedimenti ad hode del Governo che ne ha finanziato con 50 milioni la nascita con misure finanziarie di sostegno specifiche.

L’edizione regionale di Startup Europe Week è stata promossa da Valeria Fascione assessore campano alle Startup

Dal 1 al 5 febbraio sono previsti in tutta Europa eventi dedicati alla creazione di nuova imprenditorialità.In Campania il programma approntato dalla Regione prevede iniziative a Nola, Napoli e Benevento che coinvolgeranno gli attori territoriali del sistema, dalle starup innovative, le grandi imprese, i Distretti Tecnologici, la politica e le istituzioni.

A Napoli sono due gli eventi previsti, nelle giornate del 4 e 5 febbraio, entrambi nella splendida Basilica di San Giovanni Maggiore. In particolare il primo è stato dedicato all’ Open Innovation e l’altro alle opportunità regionali e nazionali per le Startup.

Gli appuntamenti hanno rappresentato l’occasione per le nuove aziende napoletane di condividere con i grandi player, le idee, le competenze e i progetti. Una possibilità per le imprese giovani di presentare le capacità progettuali e conoscere le opportunità presenti a livello nazionale e regionale per fare impresa.

L’ Open Innovation è stata aperto dalla Assessore alle startup, innovazione e internazionalizzazione, Valeria Fascione, che nel suo intervento ha illustrato le linee di supporto che la Regione prevede di attivare a supporto della nuova imprenditorialità. Sono intervenuti, nella sessione di apertura, Gaetano Manfredi, Rettore della Federico II e Ambrogio Prezioso, Presidente dell’Unione industriali di Napoli.

Numerose le presenze e le testimonianze, da Finmeccanica a Fincantieri, da rappresentanti di Fondi d’investimento a istituti bancari, e chiaramente contributi sono venuti da molte aziende campane. Nella sessione pomeridiana sono intervenuti i rappresentanti dei distretti tecnologici regionali.

Durante l’intera giornata di lavori, numerosi sono stati gli incontri promossi tra i rappresentanti delle startup e le Grandi Imprese e i Distretti Tecnologici.