L’Agenzia Europea Frontex ha selezionato il velivolo Tecnam P2006T MRI modificato da Indra per le sue operazioni di controllo nel Mediterraneo.

Frontex è l’Agenzia Europea per la gestione della cooperazione internazionale alle frontiere e coordina il pattugliamento delle frontiere esterne aeree, marittime e terrestri degli Stati della UE Stati membri dell’Unione Europea.Tecnamfrontex

Già lo scorso anno aveva firmato un accordo con Indra che abilitava la società alla partecipazione alla gara per un contratto di servizio per l’inserimento dell’aereo P2006T MRI nell’operazione Triton di sorveglianza marittima nella zona centrale del Mediterraneo. Frontex ha poi selezionato il P2006T MRI per le sue operazioni dopo averne testato l’efficacia  in diverse missioni.

A partire dal 10 marzo e durante tutto il mese, il P2006T MRI ha sorvegliato nella zona sud d’Italia il traffico delle navi illegali coinvolte nel traffico di migranti, supportando le operazioni di soccorso. L’aereo raccoglie informazioni in volo che trasmette in tempo reale alla stazione di controllo del sistema, che si trova presso la sua base, nell’aeroporto di Brindisi.

Dotato dei sistemi più all’avanguardia, è in grado di rilevare i movimenti delle navi e inviare le informazioni ai centri di controllo della Guardia di Finanza a Roma e di Frontex a Varsavia.

Il P2006T MRI di Indra ha sistemi di sorveglianza all’avanguardia ed è in grado di controllare in modo efficace grandi aree, grazie alla camera elettro-ottica in grande formato ad alta risoluzione Ultra Force 275 di FLIR Systems, al radar Seaspray 5000E di Selex Galileo e al sistema di identificazione delle navi AIS. Attraverso pattugliamenti di 4-6 ore può sorvegliare aree comprese tra la costa e le 150 miglia al largo.

Indra è una delle principali società di consulenza e tecnologia per le operazioni di business con sede a Madrid. In Italia Indra ha circa 600 professionisti che lavorano presso le sedi di Roma, Milano, Napoli, Bologna e Matera. La Società ha un Software Lab a Napoli che opera all’interno di una rete di 22 Software Lab in Europa, Asia e America Latina.