Leonardo/Finmeccanica ridimensiona la manifestazione, è infatti Sukhoi ad invitare i giornalisti nell’hangar di Tessera delle ex Officine Aeronavali alla cerimonia di consegna del velivolo all’ irlandese CityJet, la prima aerolinea europea che ha acquisito il jet russo.
supveneIl programma prevede la presenza del ministro dell’Industria russo.
Si conferma platealmente l’intenzione di Moretti di uscire o ridurre al minimo la partecipazione di Leonardo in Superjet International spa, azienda partecipata anche da Finmeccanica (51%). Una quota costata 500 milioni di euro che, almeno finora, certamente non si è dimostrato un buon affare per l’azienda italiana.
Più volte, da parte delle autorità russe, è emersa l’intenzione di affrontare il tema del rapporto con Leonardo/Finmeccanica posto da Moretti, in un contesto più complesso dove il dossier del Superjet s’intrecciava con i grandi programmi di collaborazione tra l’industria italiana e quella russa.
Non condividono l’atteggiamento di Leonardo i sindacati dei metalmeccanici di Cgil, Cisl, Uil che hanno organizzato un presidio-assemblea davanti alla portineria della sede di via Ca’ Di Mosto per protestare contro Moretti «che nasconde una società controllata come Superjet ai veneziani» e continua a «sottrarsi a qualsiasi confronto con le organizzazioni sindacali sul futuro della società».